Comunità italiana: intervista a Max’71

Pensando a @Max’71 ho sempre avuto l’idea di una persona che affronta ogni aspetto con professionalità, Goleada compreso. Leggendo l’intervista credo che non ci sono andato molto lontano…

Il tuo vero nome:
Massimo Manini

Chi sei ? Parlaci di te
Ho 48 anni, Vivo a Fombio, in provincia di Lodi, nella vita sono sono un operations manager nell’ambito della Logistica e Trasporti presso DHL.

Ho 4 figli, Matteo, Martina, Gabriele e Noah e una splendida moglie Roberta e sono la mia vita.

Appassionato di calcio ma in generale dello sport.

Quale squadra tifi nel calcio reale?
Chiaramente Inter, ormai da generazioni, stessa passione trasmessa ai miei figli, tranne il terzo, Gabriele, simpatizzante juventino, ma ci sto lavorando sperando che guarisca…

Una curiosità legata alla tua vita reale
Il mio spirito imprenditoriale mi ha portato 2 anni fa ad aprire un ristorante romano a Lodi e un’agenzia immobiliare successivamente, giusto per non farmi mancare nulla dopo 4 figli e un lavoro che mi coinvolge almeno 12 ore al giorno, follia. 🙂

Una curiosità, qualcosa che non tutta la comunità conosce, legata alla permanenza in Goleada
Mi sono iscritto a goleada attratto dalla possibilità di poter interagire durante il live, cosa che mancava nel precedente manageriale a cui giocavo, sokker, dove le le disposizioni tattiche e i cambi dovevano essere previsti prima dell’inizio del match definendo il minuto e la situazione.

Teomartina. Ci spieghi perché hai scelto questo nome per la tua squadra?
Ho scelto questo nome per i primi miei due figli, Matteo e Martina, lo stesso utilizzato per quando giocavo a sokker.

Ricordi una partita di Goleada memorabile?
Senza dubbio la vittoria della prima Champions, stagione 55, in finale contro Red Star, tiratissimo 3-2 e poi vincere con Red Star è sempre una soddisfazione doppia.

Da molto tempo sei su Goleada. Quale aspetto ti diverte di più
Il motivo principale è lo stesso per cui mi sono iscritto, quindi il live e poter agire in tempo reale alle situazioni della partita, ma, sta cominciando a diventare la causa per cui sto pensando di lasciare, purtroppo, o per fortuna, nella mia vita non ho moltissimo tempo da dedicare a goleada e a differenza di prima ormai la tattica sta diventato fondamentale per questo gioco e questo richiede tempo e applicazione, inoltre per i match serali sono quasi sempre costretto a seguire dal telefonino e anche questo penalizza non poco, vedremo…

Cosa invece ti infastidisce di più di Goleada?
E’ un gioco, e come tale lo vivo, per cui nulla mi infastidisce su goleada, certo tutto è migliorabile, ma dal mio punto di vista questo è un gran manageriale e Mitaka con il tempo che ha a disposizione sta facendo dei miracoli.

Conclusioni dell’intervistatore

Voglio dire che a mio avviso Max è veramente un Signore, mai una polemica, mai una vera lamentela, mai una critica, mai problemi per richieste cambi orari, mai ostruzionismo… un Signore appunto, anzi, un Conte 🙂

Soffre solo un filo di scaramanzia… ed io giro il coltello nella ferita ad ogni partita che giochiamo contro 😉

FORZA TEO, MARTINA… ma anche FORZA NOAH… e si esageriamo anche FORZA GABRIELE (malgrado la simpatia che ha per quelli) 🙂

Teomartina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.